Buon pomeriggio!

Oggi voglio parlarvi di una nuova passione che si aggiunge a una più vecchia e che coltivo sin da bambina. Chi mi conosce bene o chi mi legge spesso, sa che uno dei miei hobbies è quello di scrivere… diari, blogs, romanzi, racconti brevi e lettere.

Sì, non c’è niente di più bello ed entusiasmante per me che ricevere una lettera e scriverne una in risposta (adoro scriverle nei momenti liberi, specie nei weekends) e condividere gioie e dolori con amiche e amici sparsi in tutto il mondo. Conoscere i loro Paesi (o anche altre località italiane) e la loro cultura, far pratica con le lingue straniere (adattissimo per chi, come me, è laureata in lingue straniere e vuole fare costante pratica) e, soprattutto, conoscere altre storie, farle proprie e stringere delle amicizie vere e durature. Ok, non con tutte è così. Alcune pals spariscono, altre non hanno più voglia di scrivere… Ma con alcune scrivo da anni e per me sono come una boccata d’aria fresca, mi fanno stare bene e sentire meno sola.

Inoltre cosa c’è di più magico di ricevere una lettera scritta a mano? Credetemi: lettere scritte al computer, e-mails e messaggini vari suoi social networks non sono la stessa cosa, non possiedono un minimo di magia…

Quindi come potevo non appassionarmi alla serie tv canadese firmata dalla Hallmark (una garanzia!) “Signed, Selead, Delivered”? Ammetto che il titolo originale in inglese mi piace proprio, quello italiano, “Il mistero delle lettere perdute” meno 🙁

La serie narra le avventure di quattro impiegati del servizio postale americano che lavorano nella divisione delle “lettere morte”, ossia quelle che negli anni non vengono recapitate ai destinatari a causa di indirizzi scritti male, incompleti, cancellati dalle intemperie, ecc. Il team capitanato da Oliver O’Toole  (interpretato da Eric Mabius, il bel Daniel Meade di “Ugly Betty”) ha il compito di rintracciare i destinatari cogliendo gli indizi dalle lettere e facendo ricerche. Mossi da una vera passione che li porta a credere che il proprio lavoro sia una missione, i quattro riescono a risolvere caso dopo caso regalando felicità nelle vite altrui.

Insomma, sarebbe il lavoro perfetto per me 😉

La serie tv è composta da un film pilota che l’ha anticipata, una stagione composta di dieci episodi e una serie di 8 film successivi (tra cui uno a tema natalizio). Mentre il pilota e la serie tv sono già state trasmesse in Italia su Rai Uno, dovremmo ancora attendere per i film successivi. Incrociamo le dita!

Mentre scrivevo questo pezzo ho ascoltato il brano “Signed, Sealed, Delivered” di Stevie Wonder sia nella sua versione che nella successiva cover dei Blue

Good afternoon!

Today I want to talk about one of my new passions that it’s linked with another old passion that I have since I was a teen. Who knows me very well and who reads often my blog, knows that one of my hobbies is writing… diaries, blogs, novels, short novels and letters.

In my opinion there isn’t anything more exciting than receiving a letter and replying to it (I like writing letters in my spare time, especially in the weekends) and share my ups and downs with female and male friends from all around the world. Learn about their Countries (or other Italian places) and their culture, practice foreign languages (perfect for those people who, like me, have a university degree in foreign languages and want to exercise costantly) and, above all, create real and longlasting friendships. Ok, this happy end doesn’t happen with all the penpals. Some of them disappear, other don’t have the desire to write anymore… But I penpal with some of them since years and they make me happy and thanks to them I feel less alone.

Moreover, what could be more magical than receiving a handwritten letter? Believe me: typed letters, e-mails and text messages via social networks are not the same thing, they don’t have a minimum of magic…

So how could I not get interested in the Canadian tv-series by Hallmark (a guarantee!) “Signed, Selead, Delivered”? I admit that I really like the original title in English, on the contrary the Italian title, “Il mistero delle lettere perdute” (that means “The mystery of the lost letters”), is less appealing 🙁

The tv-series talks about the adventures of a group of four employees of the US Postal Service who work in the “dead letters division”, i.e. those who over the years are not delivered to recipients due to poorly written addresses, incomplete ones or defaced by the weather, etc. The team led by Oliver O’Toole (played by Eric Mabius, the handsome Daniel Meade of “Ugly Betty”) has the task of tracking down recipients taking clues from the letters and doing research. Driven by a passion that leads them to believe that their work is a mission, the four manage to solve cases giving happiness in other people’s lives.

So, it would be the perfect job for me 😉

The tv-series is composed of a pilot film that has anticipated it, a season consisting of ten episodes and a set of eight successive film (including a Christmas-themed). While the pilot and the tv-series have been broadcast in Italy on Rai Uno, we should have to wait for the next movies. Fingers crossed!

While I was writing this post, I was listening to the song Signed, Sealed, Delivered” by Stevie Wonder, both in its original version and in the cover by Blue

2 Comments on My new obsession: “Signed, Sealed, Delivered”

  1. Pamela
    aprile 11, 2017 at 6:14 pm (1 mese ago)

    Ciao Michela!
    Sono Pamela, ed abbiamo alcune pals in comune. Sai che non conosco questa serie ma che mi hai incuriosita? Scrivo lettere da 42 anni ed ho incontrato tantissimi pals. La corrispondenza fa parte della mia vita da sempre e leggere che qualcuno potrebbe far recapitare queste lettere morte, mi fa sorridere! Sarebbe fantastico ma con le poste italiane una cosa del genere rimane un’utopia!!!! Oramai non consegnano neanche le lettere con l’indirizzo chiarissimo!!!! Buona fortuna! Un abbraccio, Pamela Campana

    • MichelaMik
      aprile 11, 2017 at 6:32 pm (1 mese ago)

      Ciao Pamela, grazie per il tuo commento. La serie è abbastanza nuova (è del 2016) e anch’io l’ho scoperta recentemente. Hai proprio ragione, con le poste italiane sarebbe impossibile… se ne fregano proprio delle nostre amate lettere!